Mediaset Infinity logo
Verissimo
Catalogo
Dirette Tv
Channels
Cerca
Le parole
24 febbraio 2023

Anna Safroncik a un anno dall'inizio della guerra: "Papà è tornato in Ucraina, non vuole lasciare la sua terra"

Il messaggio dell'attrice a un anno dall'inizio della guerra in Ucraina: "L’errore più grande che possiamo fare è abituarci al conflitto, diventando insensibili e indifferenti di fronte alle atrocità che stanno avvenendo"

Condividi:

A un anno dall'inizio della guerra in Ucraina, Anna Safroncik condivide un lungo messaggio in cui parla del conflitto nel suo Paese e della decisione del papà di tornare lì, nonostante la difficile situazione in cui si vive a Kiev. "È passato un anno intero da quando, il 24 febbraio 2022, ci siamo svegliati con le notizie dei primi bombardamenti russi sull’Ucraina. Un anno durante il quale la Russia ha dovuto fare i conti con la strenua resistenza ucraina, un anno durante il quale abbiamo vissuto (e viviamo tuttora) con l’incubo della minaccia atomica..una minaccia che sembrava lontana quasi un secolo. Un anno in cui si è discusso molto di armi e munizioni..e poco di pace. Un anno di guerra", scrive l'attrice. E aggiunge: "La guerra è terribile, è straziante..ed è ingiusta. Come dice Papa Francesco 'non ci sono buoni e cattivi..è una guerra mondiale, un conflitto tra imperialismi e l'Ucraina è la vittima'. Infatti sono 280mila i morti stimati, circa 180 russi e 100 ucraini, un genocidio in una guerra fratricida. Uno scempio". Parlando della situazione in cui vivono oggi gli ucraini: "Milioni di ucraini sono stati costretti a fuggire dal loro Paese. Case, scuole, ospedali sono stati distrutti. Alcune città sono state quasi interamente rase al suolo.
Coloro che sono rimasti in Ucraina sono protagonisti di una catastrofe umanitaria. Ormai manca tutto: elettricità, riscaldamento, cibo, medicine, beni di prima necessità". Anna Safroncik parla anche del papà: "Fra loro c’è anche mio padre, insieme ad altri familiari ed amici di infanzia. Nessuno vuole più scappare, nessuno vuole più sentirsi un profugo di guerra. 'Preferisco accettare la mia sorte nella mia terra, insieme ai miei connazionali, e sentirmi pienamente uomo', così dice papà ogni mattina in videochiamata quando lo supplico di tornare da me". "La dignità , il coraggio e il senso di appartenenza regnano sul popolo ucraino e a noi civili non resta altro che pregare", aggiunge l'attrice. Infine lancia un messaggio: "L’errore più grande che possiamo fare è permettere che il perdurare del conflitto ci abitui alla sua esistenza, che ci renda insensibili ed indifferenti di fronte alle atrocità che stanno avvenendo. Slava Ukraina (Gloria all'Ucraina ndr)".

Il papà di Anna Safroncik a Verissimo: "Non volevo lasciare l'Ucraina"

Anna Safroncik aveva parlato a Verissimo della guerra in Ucraina e della fuga del papà da Kiev. "Abbiamo vissuto il dramma di far scappare mio papà da un Paese bombardato. Lui non voleva andarsene, aveva paura di lasciare la sua casa", aveva detto l'attrice. E aveva aggiunto: "L’abbraccio con mio padre è stato uno dei più belli della mia vita". Tornata a Verissimo con il papà Eugenio, l'attrice aveva detto: "Sono veramente felice ed emozionata". Eugenio Safroncik aveva parlato della guerra nel suo Paese: "Non volevo andare via dall'Ucraina, ho passato lì la mia vita. Anche adesso avevo un lavoro bellissimo, insegnavo canto, mi piaceva vivere lì.

Leggi anche

Guarda anche

Copyright ©1999-2024 RTI Business Digital – RTI S.p.A.: p. iva 03976881007 – Sede legale: Largo del Nazareno 8, 00187 Roma. Uffici: Viale Europa 46, 20093 Cologno Monzese (MI) – Cap. Soc. int. vers. € 614.238.333 – Gruppo MFE Media For Europe N.V. – Tutti i diritti riservati.